home archivio

Stop&Go – esercizio chiave per affrontare le prime prove del Test del Buon Cittadino a 4 Zampe®

incontro con un estraneo con il giornaleAl via in questi giorni un nuovo corso di gruppo per la preparazione al Test del Buon Cittadino a 4 Zampe® (BC4Z). La prima lezione, tenuta dagli educatori cinofili Marina e Valentina in una delle ombreggiate pinete di Villa Pamphili, è stata aperta con le presentazioni dei binomi partecipanti: Anna con Otto, Davide con Criss, Patrizia con Rita, Stefania con Chili, Stefania con Nuvolone. Graditi ospiti Elena con Zoe, che hanno già affrontato e superato il test a seguito della scorsa edizione del corso, i figuranti Pierluigi e Riccardo, Stefano che ha scattato fotografie e fatto riprese video.

La lezione è stata costruita attorno ad un esercizio molto utile nella vita quotidiana oltre che per affrontare il test: lo “stop&go”, cioè “andiamo insieme e ci fermiamo insieme”. Il risultato finale consiste nell'invitare il cane a camminare al proprio fianco e fermarsi ad un segnale. Dopo una prima fase di apprendimento con esercizi propedeutici e l'uso di bocconcini per segnare la buona riuscita delle varie tappe, abbiamo testato il risultato in una situazioni reale, come l'attraversamento di uno dei  vialetti di Villa Pamphili. (...)

A questo punto tutti i binomi presenti erano in grado di affrontare la prima prova del test, l'incontro con estraneo e manipolazione.  A turno i binomi si sono avvicinati ad uno dei figuranti e, con il cane fermo accanto a sé, il proprietario ha stretto la mano all'“estraneo” ed ha intrattenuto con lui una breve conversazione; poi Riccardo o Pierluigi chiedevano di poter toccare il cane e lo manipolavano in maniera un po' “scorretta”, accarezzando anche la testa e toccando la coda. Durante questa prova del test il cane non deve mostrare paura, non deve interagire in maniera “prepotente” con l'altra persona; viene valutata anche la capacità del proprietario di mettere a suo agio il cane aiutandolo ad interagire ed a tollerare le manipolazioni di un estraneo e la prontezza ad intervenire per aiutarlo se il cane si trova in difficoltà durante l'interazione.

Dopo una breve pausa rinfrescante la lezione è ripresa con una ulteriore verifica di quanto appreso: i binomi sono stati invitati ad incontrare un figurante con l'ombrello aperto ed uno che sfogliava un giornale. Compito dei proprietari era quello di avvicinare i figuranti, fermare il cane prima che potesse interagire con loro, e fare una breve conversazione. Rispetto all'incontro con l'estraneo qui la difficoltà era accresciuta dal fatto che erano presenti alcune distrazioni: l'ombrello o il giornale, più persone e più cani che si spostavano in uno spazio ristretto.

La giornata si è chiusa con un gioco che ha coinvolto tutti i binomi contemporaneamente: tutti noi da bambini giocavamo a uno...due...tre...stella!! ma quanti di noi possono dire di averlo fatto in coppia con il proprio cane? A tagliare per primi il traguardo Patrizia con Rita, vincitrice di un osso di prosciutto, per tutti gli altri partecipanti ossetti di pelle di bufalo come premio di consolazione.

Appuntamento tra due settimane per la preparazione di altre prove del test!

Condividi questo articolo

 

Libri consigliati

K. Pryor, “L'arte di addestrare il cane (ma anche il marito, i figli, la suocera e, volendo, i vicini di casa)”, Era Ora

L'arte di addestrare il cane (ma anche il marito, i figli, la suocera e, volendo, i vicini di casa)

Leggi tutto...

FaceBook


privacy ~ copyright ~ area riservata
C.F. 7610400588
crediti
[Top]