home abc veterinario benessere del cane come scegliere una crocchetta di qualità

come scegliere una crocchetta di qualità

di Francesca Coppola - educatore cinofilo

Parlando di crocchette, prima di prendere in considerazione le varie marche, è sempre bene ricordare che in ogni caso si tratta di cibo processato, che è stato cotto, macinato, lavorato. Anche se gli ingredienti di partenza fossero eccellenti, dopo tutto il processo di lavorazione, non sono paragonabili a quelli freschi. E’ inevitabile che il valore nutritivo degli ingredienti venga perso durante la lavorazione, ed è per questo che nel cibo industriale vengono sempre aggiunti vitamine e minerali alla fine, per rimpiazzare quello che si è perso.

Si tratta quindi di integratori e vitamine sintetici, la cui utilità per l’organismo è stata confutata dagli esperimenti condotti dalle dottoresse Key-Tee Khaw e Aisla Welch (Cambridge, 2000), le quali, al termine di una ricerca durata 20 anni, affermarono che l’unico modo per ottenere tutti i minerali e le vitamine di cui abbiamo bisogno, è prenderli da frutta e verdura freschi.

Se gli integratori artificiali non possono sostituire e rimpiazzare un’alimentazione di frutta e verdura vera per noi umani, la stessa cosa vale per i nostri cani, che con il mangime industriale non possono scongiurare carenze nutrizionali.

Tenuto conto di questo, se proprio non possiamo optare per un’alimentazione naturale perché manca il tempo, o abbiamo più cani, come scegliere una buona crocchetta?

L’industria del pet food ci propone un’ampia gamma di prodotti, dai più specifici a quelli dai nomi più esotici, ognuno dei quali promette vantaggi e salute eterni. Senza farci ingannare dalla pubblicità, proviamo ad analizzare gli ingredienti, che poi è quello che mangeranno i nostri pet. Cosa c’è dentro le crocchette?

Qui occorre fare un grosso distinguo tra gli alimenti premium e quelli da supermercato, non proprio il massimo per i nostri amici, per la qualità scarsissima degli ingredienti, e per i coloranti e gli additivi presenti. Per capirsi, con crocchetta da supermercato, si intendono tutte le marche e i prodotti che troviamo nei punti vendita della grande distribuzione, come per esempio Friskies, Beneful (entrambe della Purina), Pedigree, Cesar.

Riporto ad esempio gli ingredienti di “FRISKIES Balance/Complete” alimento secco per cani: Cereali, carni e derivati (Pollo 4% e carni fresche 4% nelle crocchette semi-umide), estratti di proteine vegetali, sottoprodotti di origine vegetale, oli e grassi, zuccheri, sostanze minerali, ortaggi (carote 0,3% e verdure 0,3%). Solfato rameico (Cu 10 mg/kg). Con conservanti, coloranti e antiossidanti: additivi CE.

Vediamo come interpretare l’etichetta: gli ingredienti devono essere riportati in ordine decrescente di peso. Qui il primo ingrediente sono i cereali, ma non è specificato quali (riso? Mais? Orzo? Avena?), poi abbiamo le carni e derivati, di cui il 4% è pollo, e il resto provengono da altri animali non specificati. Gli estratti di proteine vegetali potrebbero significare glutine di mais o frumento, che sono fonti economiche di proteine vegetali. Ci sono anche gli zuccheri che certo non fanno bene ai nostri cani, e purtroppo anche conservanti, coloranti e anti ossidanti.

In sostanza questa crocchetta è composta maggiormente da cereali, una parte di carni e derivati, e altri ingredienti poco sani come zuccheri e additivi.

Stesso discorso vale per l’umido che troviamo nella grande distribuzione. Vediamo ad esempio gli ingredienti di “ Cesar - Le Delizie al vapore™ con Pollo in umido e Carote alla Julienne”: Carni e derivati (di cui pollo min. 4%), Ortaggi (carote min. 4%), Cereali, Sostanze minerali.

Anche qui interpretare l’etichetta non è cosa facile: sappiamo che la scatoletta è composta da carni e derivati, di cui solo il 4% di questi è pollo, poi da ortaggi non meglio specificati di cui solo il 4% sono carote, e i soliti additivi minerali.

Cosa sono le “carni e derivati”? La legge dice che la dicitura “Carni e derivati” sta a indicare ‘le parti carnose di animali terrestri a sangue caldo macellati, fresche o conservate, (carni) e tutti i prodotti o sottoprodotti (derivati)…’’. In altre parole, per derivati si intendono gli scarti di macellazione, quali possono essere le interiora di bovini, suini, ovini, equini, polli, galline, anatre, tacchini, conigli, zampe e teste di pollo, polmoni, mammella, milza, fegato, reni, stomaco e tendini., ma anche becchi, unghie, piume. Con derivati della carne, individuamo un mix di scarti di animali non meglio specificati, di cui appunto non possiamo conoscere il valore nutritivo.

Un prodotto umido, distribuito nei più comuni supermercati, che fa eccezione è ADOC dell’Agras Delic: non contiene conservanti e coloranti, e gli ingredienti sono chiari e privi di cereali. “Adoc filetti di pollo con coniglio”: Pollo 61%, coniglio 4% minimo, gelificanti vegetali Aut. CE.

Eliminando dal carnet delle scelte possibili tutti i prodotti più economici da supermercato/discount, ci rimane da orientarci sul mangime meno economico cosiddetto “premium”. Con questo termine di solito individuamo quei prodotti, disponibili nei negozi specializzati per animali, che offrono una maggiore e migliore quantità di proteine animali.

In questa fascia, in genere, non sono presenti coloranti , almeno non aggiunti alla fine e quindi non dichiarati sull’etichetta.

Anche qui possiamo fare una distinzione tra le crocchette premium che hanno una composizione di carne di circa il 20-30% e cereali, e le nuove linee cosiddette “grain-free”, ovvero senza cereali e granaglie, composte esclusivamente da proteine animali, frutta e verdura.

Vediamo come poterci orientare nella lettura di un’etichetta di una crocchetta “premium” con i cereali: in generale, è composta da un 20 / 30% di carne (che può essere una parte fresca e una disidratata), e il il restante 70% da cosa è composto?

In una crocchetta media, il restante 70% degli ingredienti sono i cereali e le farine di carne, il glutine di mais e di frumento, la polpa di barbabietola e vari grassi animali.

Ma cosa sono questi ingredienti? A cosa corrispondono, e soprattutto il cane ne trae beneficio?

Vediamoli uno per uno:

Cereali: a volte negli ingredienti delle crocchette non è specificato di quale cereale si sta parlando. Riso? Mais? Avena? Spesso quello maggiormente usato nelle crocchette è il mais. Sappiamo che per il cane i cereali non sono indispensabili, essendo essenzialmente un carnivoro, quindi grandi quantità di cereali possono essere difficili da digerire. Nella maggior parte di crocchette le quantità di cereali sono maggiori rispetto a quelle della carne.

Farine di carne: indicano che la materia prima è ottenuta da un processo di riciclaggio, per l’esattezza la legge (Legge 15 febbraio 1963 n° 281 e smi) le definisce “Prodotto ottenuto dal riscaldamento, dall'essiccamento e dalla macinazione della totalità o di parti di carcasse di animali terrestri a sangue caldo”. In sostanza si riciclano carcasse di bestiame per estrarne olio dal grasso, tramite fusione. E’ evidente che il valore nutritivo dipende dalla qualità delle proteine: un petto di pollo sarà più nutriente e salutare rispetto a una farina ottenuta tramite riciclaggio di una carcassa.

Glutine di mais/frumento o farine di mais e frumento: sono una fonte economica di proteine vegetali, in alternativa a quelle che dovrebbero provenire dalla carne.

Polpa di barbabietola: è quello che resta dopo l’estrazione dello zucchero dalle barbabietole. E’ comunissima negli alimenti secchi per cani in quanto ha un potere indurente per le feci e previene la diarrea.

Grassi/proteine idrolizzati: per proteina idrolizzata o idrolisata, si intende una proteina che ha subito un processo di idrolisi, è stata cioè già digerita per reazione con enzimi. In sostanza sono proteine pre digerite e il loro uso è utile a non scatenare reazioni allergiche in soggetti allergici o ipersensibili verso le stesse.

Quindi la gran parte di una crocchetta media è composta da cereali, farine di mais e frumento, le sostanze minerali e vitamine aggiunte e le carni occupano solo il 20%-30% della composizione.

Se cerchiamo su un enciclopedia la voce “cane” leggiamo: il cane (Canis lupus familiaris) è un mammifero carnivoro ascritto al genere Canis (famiglia canidi).

Stando a quello che dice la zoologia, Il cane è quindi un animale carnivoro, con un apparato gastro-intestinale corto adatto a digerire preoteine e grassi, con denti affilati per strappare e dilaniare la carne, e con una carenza di enzimi adatti a digerire bene gli amidi. Gli animali che hanno necessariamente bisogno di carne per poter sopravvivere sono detti carnivori obbligati, un esempio di questo ordine possono essere i felidi in generale, quindi anche il gatto. Il cane invece è un carnivoro non obbligato.

In una dieta casalinga si tiene conto di questo, dosando le carni almeno il 50% della razione, dove il restante 50% sono verdure + carboidrati.

Nel cibo industriale invece è aumentato vertiginosamente l’utilizzo di cereali, mais, soia, frumento che da alcuni vengono considerati meri riempitivi. La domanda è: questi prodotti sono i più appropriati per l’alimentazione di un animale essenzialmente carnivoro?

Molti pensano che il forte aumento di allergie con l’affermarsi dell’industria del pet food sia dovuta proprio a questo tipo di alimentazione scorretta, derivante dal mangiare un cibo non appropriato per le proprie caratteristiche.

Anche in questa fascia di crocchette premium possiamo fare una grande distinzione tra marchi “cruelty‐free”, ovvero che non sperimentano con vivisezione il cibo prodotto e marchi che non appartengono a questa lista, di solito si tratta dei marchi più famosi appartenenti alle grandi multinazionali. Per “testato su animali” nel pet food si intendono test non obbligatori per legge (non test di appetibilità), volti a studiare gli effetti delle crocchette su cani e gatti con malattie indotte in laboratorio. Le aziende che non si dichiarano cruelty-free sono:

  • Nestlé: Felix, Friskies, Gourmet, Purina Pro Plan, Affinity Petcare, Purina

  • Colgate‐palmolive: Hill’s (science diet, canine maintenance)

  • Mars: Whaltam, Cesar, Pedigree, Chappi, Frolic, Sheba, Whiskas, Kitekat, Royal Canin

  • Procter & Gamble: Iams, Eukanuba

  • Nutro

  • Heinz

Dall’altra parte invece troviamo tutti i marchi “cruelty-free”, ovvero che certamente non compiono sperimentazione animale. Tra questi possiamo citare alcuni marchi italiani come Trainer, Monge, Forza 10 e altri come Almo Nature, Farmina. In genere tutti i prodotti che non appartengono alla lista precedente non sono testati.

Proviamo a vedere gli ingredienti di una crocchetta premium standard, di una azienda NON cruelty-free, come per esempio la Hill’s. “Hill's Canine Adult Pollo”, una crocchetta per un cane adulto con normale attività fisica: mais macinato, lardelli (manzo min. 14%), farina di pollo e tacchino, grassi di origine animale, idrolizzato di proteine, olio vegetali, citrato di potassio, semi di lino, carbonato di calcio, cloruro di sodio, cloridrato di L-lisina, cloruro di potassio, DL-metionina, L-triptofano, L-treonina.

Sappiamo che gli ingredienti devono essere riportati in ordine decrescente di peso. Primo ingrediente: mais. Le proteine della carne vengono da lardelli, ovvero cubetti di lardo che viene solitamente inserito nella carne da cucinare o negli insaccati, per dare sapore, quindi in sostanza cubetti di grasso, di cui un 14% sappiamo di manzo, e dalle farine di pollo e tacchino. Nonostante il marchio Hill’s sia pubblicizzato come uno dei migliori, se ci si basa sulla lettura degli ingredienti non brilla per eccellenza: sostanzialmente è una crocchetta al mais con lardelli e farine di carne e oli vegetali.

Inoltre nei prodotti Hill’s viene usato un antiossidante chimico, utilizzato anche come pesticida, chiamato etossichina. Non è mai stato provato che sia sicuro per animali.

Sempre nella fascia di crocchette premium, proviamo a vedere un altro prodotto di un’altra azienda NON cruelty-free, per esempio Purina Pro Plan: Pro Plan Adult Original Pollo & Riso, per cani adulti in normale attività fisica, ingredienti: pollo (20%), riso (7%), frumento, mais, proteine disidratate di pollame, glutine di mais, grassi animali, autolisato di carne, polpa di barbabietola, uovo intero disidratato, olio di pesce, fosfato di calcio, cloruro di potassio, cloruro di sodio, minerali.

Qui abbiamo sicuramente una migliore percentuale di pollo rispetto alla Hill’s, ma è sempre solo un 20%. Buono che ci sia anche il riso invece che il mais. Il resto è il solito, mais, glutine di mais, frumento.

C’è da dire che questi grandi aziende sono coinvolte in frequenti scandali: sono capitati lotti e partite di cibo che hanno ucciso cani e gatti, per la presenza di sostanze tossiche importate dalla Cina. Nel 2007 è stata trovata melamina nelle farine di mais e frumento usate nel pet food: sono morti 1950 gatti e 2200 cani*. Nel 1998 uno studio condotto dalla FDA (Food and Drug Administration negli Usa), dove venivano analizzate le maggiori marche di crocchette, (tra cui Purina Pro Plan, Nutro e Heinz) ha trovato presente una sostanza, il Pentobarbital, che è un comune agente usato per indurre l’eutanasia in veterinaria. Questo può portare a credere che nelle farine di carne possono essere state utilizzate anche carcasse di animali domestici eutanizzati, anche se non è possibile saperlo con esattezza e potrebbe venire anche da altri animali eutanizzati come bovini, o cavalli*. Anche per i derivati dalla carne (dicitura carne e derivati, o sottoprodotti di origine animale) sappiamo che possono contenere anche becchi, piume, unghie.

Volendo escludere tutte le crocchette delle suddette aziende, possiamo considerare, sempre nella fascia premium, i prodotti cruelty-free: anche qui abbiamo una vastissima scelta: in generale la composizione non si differenzia moltissimo dalle altre crocchette premium. In questa fascia abbiamo le marche: Almo Nature, Trainer, Monge, Dado, Forza10, Farmina, Vet Line e le linee da agricoltura e allevamento biologico come Aniwell, Yarrah, DefuBio, Forza10 Bio.

Sono tutte caratterizzate dalla solita percentuale di carne o pesce e il resto cereali, di solito mais e riso. Alcuni di queste linee contengono probiotici, fibre vegetali e ingredienti naturali come estratti da piante curative.

Vediamo per esempio la lettura degli ingredienti di Forza 10 mantenimento al pesce: mais, farina di pesce, olio di mais, olio di pesce, lievito di birra, polpa di barbabietola, sostanze minerali, Bio MOS e FOS, Yucca Schidigera, colina cloruro, vitamine, conservato con estratti ricchi in tocoferoli di origine naturale e rosmarino.

Primo ingrediente: anche qui mais. Ma i cani digeriscono il mais? A questa domanda non c’è una risposta chiara. In natura non lo mangerebbero. Chiedendo ai medici veterinari delucidazioni in merito, ognuno ha la propria opinione: c’è chi dice assolutamente no, e chi invece sostiene che il cane si sia adattato. Quello che sappiamo per certo è che il mais intero, i chicci per interderci, non viene digerito dal cane. Le case produttrici di mangime da parte loro rispondono che il mais presente nelle crocchette viene dapprima sottoposto a macinazione e poi a cottura, per questo è reso più digeribile.

C’è chi invece la pensa nella maniera opposta, e ritiene che i cani non traggano nessun beneficio dal mangiare mais, e sono i produttori delle linee grain-free, ovvero senza cereali, che analizzeremo di seguito.

Una cosa che si può verificare subito è che un cane alimentato con dieta casalinga priva di tutte quei cereali, presenta feci minori e di dimensioni notevolmente ridotte rispetto ad un cane alimentato con crocchette.

Per tornare al nostro Forza 10, la cosa positiva è che non sono presenti conservanti e coloranti artificiali, buona è la presenza di sostanze naturali come la Yucca Schidigera. Peccato per le proteine che derivano dalla farina di pesce, che sappiamo essere un processo di riciclaggio.

In questa fascia, prodotti che sulla carta, in base alla lettura degli ingredienti, sembrano essere abbastanza buoni sono: Farmina Cibau e Dado della Valpet.

Farmina Cibau, Ingredienti: Carne di pollo disidratata (min. 32%), riso (min. 25%), mais, grasso di pollo, pesce disidratato, polpe di barbabietola essiccate, olio di pesce, olio vegetale, cloruro di sodio, , lieviti di birra essiccati, DL-Metionina (2000 mg/Kg), cloruro di colina (1800 mg/Kg), ossido di zinco(Zn 60 mg/Kg), solfato di zinco monoidrato (Zn 60 mg/Kg), solfato manganoso monoidrato (Mn 50 mg/Kg), solfato ferroso monoidrato (Fe 20 mg/Kg), carbonato ferroso (Fe 20 mg/Kg), solfato rameico pentaidrato (Cu 16 mg/Kg), iodato di calcio anidro (I 1,5 mg/Kg), carbonato basico di cobalto monoidrato (Co 0,25 mg/Kg), selenito di sodio (Se 0,1 mg/Kg), vitamine.

Dado, ingredienti: agnello disidratato (min. 27%), mais, riso (min. 8%), oli e grassi stabilizzati, patate (min. 5%), cicoria (fruttoligosaccaridi), olio di pesce (Omega 3), estratto di yucca, lievito, colina cloruro, sostanze minerali, vitamine protette e oligoelementi in forma biodisponibile.

Non contengono glutine di mais e frumento e hanno una buona percentuale di carne, non proveniente da farine, fermo restando che si tratta sempre di prodotti con una fortissima presenza di cereali (mais e riso).

Per quanto riguarda il Cibau della Farmina gli ingredienti sembrano molto buoni, quello che resta dubbio è la forte presenza di integratori vitaminici e minerali.

Invece per Dado della Valpet, tutte le linee contengono una buona percentuale di carne con sempre specificato da quale animale proviene (pollo, agnello o pesce), non contengono il glutine di mais o frumento. In ogni caso è sempre molto presente il mais, come in ogni crocchetta di questa fascia, e il prezzo è molto competitivo per essere una crocchetta premium (un pacco da 15 kg costa circa 30 euro), non sappiamo (come per nessuna crocchetta) quali parti dell’animale vengono usate.

Nel tentativo di saperne di più, possiamo provare a considerare il valore delle ceneri gregge: cosa sono? Il valore delle ceneri si ottiene bruciando un campione di prodotto sotto determinate condizioni, ottenendo un residuo inorganico. In questo modo si può avere un’idea della quantità di sostanza minerale. Anche qui l’utilità di questo valore dipende dalla qualità delle sostanze utilizzate: alcuni affermano che deve essere basso perché un’alta percentuale di ceneri farebbe pensare a un maggiore utilizzo di sottoprodotti della macellazione (ossa, cartilagini), che sono infatti molto ricchi di residuo inorganico, ma non possiamo basarci solo su questo, perché è relativo a troppi parametri. Sia per Cibau che per Dado, il valore delle ceneri gregge è di 6,5%, nella media. Ovviamente l’unica risposta finale sulla validità di un prodotto, può darcela il nostro animale con le sue reazioni: un alimento industriale che sulla carta potrebbe sembrare buono, potrebbe non esserlo per il nostro cane.

Le altre marche di questa fascia (Monge, Almo Nature Holistic, Trainer) si equivalgono per la presenza di glutine di mais e su per giù equivalente percentuale di carne, buono in Almo Nature l’utilizzo di riso integrale. In tutte queste linee sono assenti additvi, coloranti e conservanti chimici.

In questa fascia sono da considerare ottimamente gli alimenti umidi: Almo Nature produce una linea “Natural” , caratterizzata dall’uso di carne/pesce in percentuale che varia tra 50 e 75%, brodo e riso. E' escluso qualsiasi sottoprodotto e qualsiasi integrazione di minerali, vitamine o additivi. Si tratta di da carni bianche e rosse, pesce ed eventualmente verdure, nelle parti idonee al consumo umano ma non destinate allo stesso per motivi commerciali, conservate nel brodo di cottura con la sola aggiunta di una piccola percentuale di riso.

Un altro prodotto umido da segnalare è Forza10 Pâté al tonno MONOPROTEICO: tonno 60%, gelatina vegetale, minerali, vitamine, conservato con estratti naturali ricchi in tocoferoli.

Questi prodotti sono ideali da mischiare con il riso e le verdure.

Per le linee biologiche, vediamo il secco dell’Aniwell, Pollo e Riso ADULT, Ingredienti: Carne fresca di pollo (min. 20%), mais, riso, farina di pollo, orzo, farina di pesce, glutine di mais, uova disidratate, polpa di barbabietola, grasso di pollo, lievito, semi di lino, minerali e vitamine, rosmarino e prezzemolo. Contiene antiossidanti naturali (miscela di tocoferoli). Non contiene coloranti o aromi artificiali.

E’ equivalente a un crocchetta premium per le percentuali simili di carne e per la presenza di mais, glutine di mais. Tutti gli ingredienti però sono di orgine biologica controllata, molto positivo specialmente per le carni che teoricamente sono prive di ormoni e medicinali come antibiotici che troviamo negli animali allevati in maniera intensiva.

Un’altra casa produttrice di cibo biologico per cani è la Yarrah, il loro mangime secco lascia a desiderare (Croccanti al pollo Yarrah: Cereali* (frumento*, mais*), 23% carne* e derivati di origine animale (pollo*), oli e grassi*, minerali*. * = da fonti biologiche controllate, Skal 1301.

Sembra migliore l’umido: 47% carne* e derivati di origine animale* (di cui manzo* min. 14%), minerali. * = da fonti biologiche controllate, Skal 1301.

Sicuramente la derivazione da allevamento biologico è da considerare l’aspetto più significativo, anche se biologico ci dice qualcosa sull’origine, ma non sulla qualità, in quanto non sappiamo quali parte dell’animale sono utilizzate.

Il top della gamma, un prodotto umido che sembra davvero eccellente è Terra Canis Cenpura Bio, un alimento umido completo completamente da fonti biologiche, e negli ingredienti sono indicate anche le parti dell’animale utilizzate! Ingredienti: Bio-Manzo: muscoli di manzo (27%), cuore di manzo (27%), fegato di manzo (16%), zucca (8%), carote, sedano, miglio (7%), bacche di sambuco (1,3%), basilico, olio di colza (1,1%), alghe marine *(0,4%), rosa canina (0,2%), gusci d'uovo (0,2%), sale delle Ande.

Bio-Tacchino: muscoli di tacchino (61%),stomaco di tacchino (6%), fegato di tacchino (6%), zucchine, amaranto (7%), mela (5%), pomodori, olio di colza (1,1%), tarassaco, camomilla(0,5%), basilico, aneto, alghe marine* (0,4%), rosa canina (0,2%), gusci d'uovo (0,2%), sale delle Ande*.

Bio-Pollo: muscoli di pollo (73%), zucca, quinoa (7%), zucchine /5%),broccoli (7%), olio di colza (1,1%), semi di finocchio(1%), prezzemolo, basilico, alghe marine* (0,4%), rosa canina (0,2%), gusci d'uovo (0,2%),sale delle Ande*.

Sembra veramente ottimale, sono citate tutte le parti della carne utilizzata, non sono presenti mais e altri cereali se non solo in piccolissime quantità, le verdure sono molto importanti e qui ne sono presenti in varietà e tutto proviene da fonti biologiche.

La Terra Canis, azienda tedesca, produce anche un magime secco che dalla lettura degli ingredienti è più che ottimo, chiamato Areo, ingredienti: Muscolo di manzo, cuore di carne di manzo, fegato di manzo, bianco bestiame rumine, misto di verdure essiccate (carota, mela, pastinaca, zucchine, finocchi, frutti di bosco, pomodori, camomilla, Oragenschalen, rosa canina, prezzemolo, basilico, fieno greco, miglio, alghe, gusci d'uovo, il rapporto delle materie prime nel = peso umido di carne del 55% al ​​30% di verdure / frutta / erbe miscela: 10% di Millet: 5% di alghe e guscio d'uovo, rapporto tra il tenore di carne = muscolo del 50%: carne di cuore 25%: 12,5% del fegato: 12,5% Bianco rumine

E’ un prodotto eccellente, acquistabile on line, con ingredienti chiari e di qualità, senza mais e altri riempitivi. L’unico cereale presente è il miglio in quantità irrisorie. Sembra l’unico prodotto per animali in commercio dove c’è un’indicazione precisa delle parti della carne utilizzata. Il costo è proibitivo: una confezione da 5 kg costa 50 euro! Allora a questo punto, viene da chiederci: ma perché non cucinare per il proprio animale?

Questo prodotto racchiude sia la provenienza biologica degli ingredienti, sia la filosofia grain-free, vediamo di cosa si tratta nello specifico: per grain-free (privo di cereali) si intendono quelle linee di crocchette che non utilizzano grano, mais, frumento, riso, ma hanno per la maggiore una composizione di proteine animali, e il resto è ortaggi, frutta, erbe e piccole fonti di carboidrati come patate.

Questi mangimi nascono secondo la concezione del cane come animale essenzialmente carnivoro: in natura mangerebbero principalmente carne, non hanno bisogno di molti carboidrati né si cibano di cereali, lo confermano la ridotta lunghezza dell’apparato digerente, la conformazione della mascella e dei denti. Su queste basi, alcune aziende hanno sviluppato alimenti privi di cereali. Parliamo di Orijen, Acana (Champions petdood), N&D (Farmina). Questi mangimi si caratterizzano per un 70% di ingredienti animali, per un 30% di frutta, minerali e ortaggi, e 0% di cereali.

Orijen e Acana sono entrambe prodotte da un’azienda ad Alberta, in Canada, che afferma l’utilizzo di carne di polli provenienti da allevamenti regionali all'aperto, non trattata con antibiotici o ormoni, di alta qualità alimentare, lavorata quotidianamente fresca e mai surgelata. Il pesce utilizzato (coregone di lago, luccioperca canadese) è dichiarato pescato e lavorato fresco. E’ sicuramente un aspetto positivo, ma il risultato finale è sempre una crocchetta, quindi cibo che ha subito vari processi, a questo punto fa poca differenza che gli ingredienti non siano mai stati congelati!

In ogni caso, sono prodotti sicuramente molto validi. Vediamo Orijen cani adulti: Pollo fresco disossato, carne di pollo disidratata (a basso contenuto in ceneri), carne di tacchino disidratata, patata rossa, pesce bianco fresco di lago senza lisca, grasso di pollo (conservato con una miscela di tocoferoli, una fonte naturale di Vitamina E), patata dolce, uova intere fresche, tacchino fresco disossato, carne di salmone disidratata, olii di salmone e acciuga, salmone fresco senza lisca, aromi naturali di pollo, olio di girasole, erba medica essiccata al sole, alga bruna essiccata, carote, spinaci, piselli, pomodori, mele, psyllium, alga dulse, radice di cicoria, radice di liquirizia, radice di curcuma longa, fieno greco, mirtilli, ribes neri, fiori di calendula, finocchio dolce, barbe di mais, foglie di menta piperita, fiori di camomilla, dente di leone, santoreggia, estratto di rosmarino, rosa canina, sale marino, estratto di fermentazione essiccato di Lactobacillus acidophilus e Enterococcus faecium. Inclusioni botaniche: Radice di cicoria 700 mg/kg, Radice di liquirizia 500 mg/kg, Fieno greco 350 mg/kg, Fiore di calendula 350 mg/kg, Finocchio dolce 350 mg/kg, Foglia di menta piperita 300 mg/kg, Fiore di camomilla 300 mg/kg, Dente di leone 150 mg/kg, Santoreggia 150 mg/kg, Rosa canina 150 mg/kg

Ingredienti buoni, alto contenuto proteico e totale assenza di granaglie. Certamente l’unica accortezza è valutare se per il proprio cane è indicato un alimento così proteico, in base allo stile di vita e il clima. E’ consigliabile utilizzarlo in inverno.

La differenza tra Orijen e Acana, è soprattutto nella quantità di carne/pesce/uova e di conseguenza nella quantità di proteine. Orijen ha una media del 40% di proteine, Acana circa il 30%. La linea ACANA è consigliabile per cani meno attivi.

La Farmina propone N&D, crocchetta grain-free: Pollo fresco disossato (26%), carne di pollo disidratata (25%), patate, grasso di pollo, uova intere disidratate, aringhe fresche, aringhe disidratate, olio di pesce, fibra vegetale di pisello, carote essiccate, farina d’erba medica disidratata, inulina fruttoligosaccaridi, mannanoligosaccaridi, melograno in polvere (0,5%), mela disidratata, spinaci in polvere, psyllium (0,3%), ribes in polvere, arancia dolce disidratata, mirtilli in polvere, cloruro di sodio, lieviti di birra essiccati, radice di curcuma (0,2%), glucosamina, condroitinsolfato.

Per chi non vuole optare per una dieta totalmente priva di cereali, ci sono scelte ottimali:

Acana ha anche una linea con cereali molto interessante, gli unici cereali presenti sono avena e riso integrale, no mais, frumento. E’ ugualmente caratterizzata da un’alta percentuale di proteine animali. Acana Adult Dog : Ingredienti: carne di pollo disidratata (40%), avena polverizzata, piselli, riso integrale, grasso di pollo (conservato con una miscela di tocoferoli e rosmarino), salmone reale fresco (senza spine), fegato di pollo, uova intere fresche, alfalfa essiccata al sole, olio di salmone, zucca, cartilagine di pollo (fonte naturale di glucosammina), mele Red Delicious, carote, foglie di rapa, cranberries, amelanchier (bacche), alghe marine biologiche (zostera, alghe bruna, alghe rosse), radici di Arctium, radici di Altea, bacche di ginepro, fieno greco, finocchio dolce, radice di angelica, spino olivastro, radice di cicoria, ortica, foglie di lampone, cardo mariano, foglie di menta piperita, fiori di calendola, camomilla, Lactobacillus adidophilus, Enterococcus faecium.

Oppure c’è un altro prodotto sempre canadese, “Pro Nature Holistic”, da tenere in considerazione per la qualità degli ingredienti, per l’assenza di glutine, grano e frumento, per l’alta percentuale di proteine animali, e l’utilizzo di cereali come riso, avena e miglio.

Tutti questi prodotti sono cruelty-free, privi di additivi e conservanti chimici, e il loro costo orientativamente è sui 70 euro per un pacco da 13,5 kg.

Concludendo, abbiamo visto come la pubblicità e i nomi blasonati non sempre corrispondono a qualità, e per scegliere una buona crocchetta dobbiamo prestare attenzione agli ingredienti. All’ultima fascia trattata appartengono le scelte migliori, tenendo sempre a mente che si tratta di crocchette, il contro è che possono essere molto costose, e si parla sempre di cibo processato e non fresco.

* Contaminazione di melamina nel pet food: http://www.fda.gov/AnimalVeterinary/SafetyHealth/RecallsWithdrawals/ucm129575.htm

* Pentobarbital nel pet food, studio della FDA: http://www.fda.gov/AboutFDA/CentersOffices/CVM/CVMFOIAElectronicReadingRoom/ucm129134.htm e http://www.fda.gov/AboutFDA/CentersOffices/CVM/CVMFOIAElectronicReadingRoom/ucm129135.htm

Condividi questo articolo

 

Libri consigliati

K. Pryor, “L'arte di addestrare il cane (ma anche il marito, i figli, la suocera e, volendo, i vicini di casa)”, Era Ora

L'arte di addestrare il cane (ma anche il marito, i figli, la suocera e, volendo, i vicini di casa)

Leggi tutto...

FaceBook


crediti
[Top]